ATF-PAD Accumulo da fotovoltaico

La soluzione per scaldare l’acqua con i tuoi pannelli fotovoltaici

Con il nostro ATF-PAD scoprirai come aumentare la quota di autoconsumo scaldando l’acqua sanitaria ed aiutando il riscaldamento! È ormai possibile usare l’elettricità prodotta dai pannelli quando non sei in casa. La nostra esclusiva centralina dirige automaticamente la corrente non usata verso il boiler anziché immetterla in rete e ti permette di approfittare al massimo dell’elettricità che produci. Cosi l’elettricità prodotta dall’impianto non è più sprecata.

Come funziona

Quando i pannelli fotovoltaici producono elettricità, la corrente è inizialmente usata dagli elettrodomestici. Se la casa non consuma abbastanza, l’energia viene immessa in rete e quindi persa. La centralina lo rileva e ridirige l’elettricità verso il boiler. L’acqua del boiler cosi è riscaldata gratuitamente grazie all’impianto FV. Uno schermo LCD permette di visualizzare il risparmio e potenza di carica.

Semplice e redditizio

La centralina è compatibile con tutti i boiler elettrici (scaldabagno con resistenza elettrica), si collega facilmente e non richiede nessun materiale aggiuntivo. L’acqua del boiler scaldata dalla produzione fotovoltaica permette di realizzare un risparmio notevole, il ritorno dell’investimento è compreso tra 2 e 4 anni a seconda della quantità di kWh altrimenti immessi in rete. Inoltre è possibile rientrare nella detrazione fiscale del 50% finalizzata all’efficientamento energetico.

detrazione-fiscale

Non solo acqua calda dal fotovoltaico.

Nel momento in cui viene rilevato un surplus di energia, il nostro ATF-PAD la reindirizza verso 2 qualsiasi carichi elettrici a tua scelta.

La centralina di gestione, a differenza di altri sul mercato, NON preleva energia dalla rete elettrica, in quanto effettua un ciclo di calcolo ogni 12 millisecondi sulla base dei sensori installati in campo.

Una volta che il termostato per l’acqua calda è a temperatura, il commutatore solare per l’acqua calda indirizzerà l’energia fotovoltaica libera verso una seconda fonte di riscaldamento, in modo da rendere possibile l’utilizzo di tale energia per il riscaldamento di un ambiente per mezzo di un accumulatore di calore, di pannelli a infrarossi o di riscaldamento a pavimento.

La centralina NON è un semplice commutatore, tantomeno un multi selettore a relè: si tratta di un regolatore dimmerabile.

L’ATF-PAD monitora la produzione di energia dell’impianto fotovoltaico e il consumo instantaneo convogliando l’energia in surplus ai carichi elettrici scelti. Se il carico della casa aumenta, ad esempio si accende la lavastoviglie, la centralina ridurrà IMMEDIATAMENTE l’apporto di energia inviato per il riscaldamento dell’acqua aiutandoti così a mantenere l’indipendenza dalla rete elettrica.  Infatti ad ogni variazione della produzione fotovoltaica (nuvole, ombre improvvise, alba, tramonto..) corrisponde una variazione incrementale o decrementale della potenza istantanea sulla resistenza del boiler/bollitore/puffer…
Inoltre la corrente variabile, direttamente proporzionale al calore generato dalle resistenze, evita la formazione di calcare ed aumenta l’efficienza delle stesse evitando dannosi shock termici. L’ATF-PAD utilizza un dimmer che permette in tempo reale di seguire la curva di immissione dell’energia in rete.

grafico-energia-autoconsumo
Come si può vedere dal grafico soprastante, mediamente più del 50% dell’energia prodotta viene immessa in rete. Questa energia viene pagata molto poco dall’ente erogatore ed è ovviamente oggetto di continue variazioni di prezzo.

 

accumulo da fotovoltaico, accumulo, termico, fv, batterie, batterie fotovoltaico, solare termico, solare, energia, consumi, consumo, autoconsumo fotovoltaico, detrazione fiscale